Firenze

Questo è il simbolo della città di Firenze 

Centro Storico Firenze

 
 
Centro Storico Firenze
Centro Storico Firenze Il centro storico di Firenze nel 1982 è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità. La superficie totale non è molto estesa e racchiude al suo interno le principali mete turistiche come musei, chiese, piazze, giardini e palazzi storici. Per questo al turista che decide di visitare la città consigliamo vivamente di non portare con se la propria auto all'interno della cerchia di mura ma di lasciarla fuori dal centro di Firenze e proseguire a piedi. I parcheggi limitrofi sono a pagamento ed un'ora costa cira un euro (dipende dal luogo dove si parcheggia e dalla durata della sosta) ed in molti casi è preferibile spendere qualche Euro per la sosta di qualche ora piuttosto che rischiare di essere multati. In quasi tutte le strade che portano in centro infatti sono collocate delle videocamere che controllano gli accessi delle auto; per questo si può rischiare di essere soggetti a sanzioni. 
 
 Per i soggiorni prolungati a Firenze (3 o più giorni) consigliamo di prenotare un hotel situato nel centro o nelle immediate vicinanze. Anche se il costo di un Hotel centrale può essere superiore di qualche Euro al giorno rispetto agli alberghi in periferia, questo ti permetterà di non avere problemi di spostamenti con mezzi propri o trasporti pubblici. 
 
 Una delle migliori soluzioni per visitare la città è quella di arrivare a Firenze in treno, in quanto la stazione principale (stazione di Santa Maria Novella) è situata proprio nel cuore del centro storico. Arrivando in treno ed avendo prenotato in una delle molte strutture ricettive del centro avrai il massimo in termini di tempo e di comodità. Alzarsi la mattina mettersi uno zaino in spalla e partire alla scoperta della città senza aver problemi di parcheggio è un vantaggio da non sottovalutare. 
 
 Il centro della città è divisa in quattro quartieri storici (la suddivisione risale al XVI secolo); ogni quartiere ha unproprio colore e prendono il nome dal più importante luogo di culto presente sul loro territorio. Inoltre ognuno dei quartieri è a sua volta diviso in quattro zone. •Il quartiere di Santa Maria Novella. Situato a nord-ovest della città e caratterizzato dal colore rosso, prende il nome dall'omonima chiesa di Santa Maria Novella situata a pochi passi dalla stazione ferroviaria centrale.
•Il quartiere di San Giovanni. Situato a nord-est della città è il cuore di Firenze, è caratterizzato dal colore verde e prende il suo nome dal Battistero di San Giovanni (Duomo di Firenze).
•Il quartiere di Santa Croce. Collocato nella zona sud-est della città, è caratterizzato dal colore blu e prende nome dalla Chiesa di Santa Croce. La Piazza di Santa Croce è situata in questa zona ed è qui che ogni anno si celebra il famoso calcio storico fiorentino dove i calcianti rappresentanti i 4 quartieri si danno battaglia in partite senza esclusione di colpi.
•Il quartiere di Santo Spirito. E' situato a sud-ovest della città, è caratterizzato dal colore bianco ed il suo nome deriva dalla Basilica di Santo Spirito.

FirenzeCard 72 ore

Con Firenzecard è possibile entrare nei principali musei dell’area fiorentina e visitarne non solo le collezioni permanenti, ma anche le mostre temporanee e tutti gli altri eventi organizzati, senza costi ulteriori. Il funzionamento della card è molto semplice: basta mostrare la tua card all'addetto del museo, che registrerà il tuo ingresso e ti permetterà di entrare. Con la card puoi visitare ogni museo una sola volta e utilizzare illimitatamente gli autobus e la tramvia di Firenze. Inoltre con il possessore card possono entrare gratuitamente nei musei e usufruire dei mezzi pubblici i cittadini dell'Unione Europea di età inferiore a 18 anni appartenenti allo stesso nucleo familiare.Il costo complessivo è di 72 euro.

Quartieri

San Giovanni

Il quartiere di San Giovanni è il cuore storico della città di Firenze ed è situato a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella. Situato proprio nel centro storico, culturale ed artistico della città ha la piazza del Duomo come simbolo portante. La storica piazza è un capolavoro unico nel suo genere e raccoglie molti tra le principali attrazioni turistiche di Firenze. Oltre alla basilica di Santa Maria del Fiore (comunemente chiamato Duomo di Firenze) con i suoi splendidi interni ricchi di bellissimi affreschi iniziata per incarico della Signoria nel 1296 dall’architetto Arnolfo di Cambio nel luogo dove sorgeva l’antica cattedrale di Santa Reparata, e la famosa cupola del duomo progettata dalBrunelleschi ricordiamo:

  • Il Campanile di Giotto, situato proprio a fianco della chiesa, grande esempio d'arte del Rinascimento
  • Il Battistero di San Giovanni, situato davanti alla chiesa, nel centro della piazza, famoso per le porte in oro realizzate dal Ghiberti
  • Il Museo dell'Opera del Duomo si trova in un palazzo posto davanti alla chiesa ed è caratterizzato da un busto di Cosimo I. L'Opera del Duomo è oggi un'istituzione che si occupa di salvaguardare, restaurare e curare dei monumenti e musei presenti nella Piazza del Duomo. All'interno del museo torvaimo molte opere d'arte rimosse dalla piazza; tra le più importanti le sculture del campanile di Giotto, la Porta del Paradiso del Battistero ed una Pietà di Michelangelo ed altri monumenti provenienti dall'interno del Duomo. In una sezione del museo troviamo la documentazione del progetto e della costruzione della Cupola del Brunelleschi e la storia della facciata che comprende i vari monumenti di personaggi illustri come Arnolfo di Cambio e molti progetti di vari architetti inviati per il concorso bandito nell'Ottocento.
  • Il Palazzo dei Canonici, situato nella parte sud della piazza fu ampliato ed arricchito di nuove sculture nell'Ottocento dall'architetto Gaetano Baccani in seguito ad un ampliamento della piazza.
  • L'Arciconfraternita della Misericordia (antica congregazione di fraterna assistenza) è situata in un palazzo detto 'degli Uffiziali dei Pupilli' in piazza del Duomo; fu fondata da San Pietro Martire nel 1244 al fine di curare gli ammalati e seppellire i morti. All'interno, troviamo dipinti ed arredi liturgici e al'interno dell'oratorio una statua di San Sebastiano, patrono della Confraternita. È forse l'unica confraternita antiche esistente, non soppressa nel tempo, per la sua attività in campo assistenziale (ancora oggi davanti alla sede è sempre presente un'autoambulanza pronta a intervenire).
  • Il Palazzo Sacrati-Guadagni-Strozzi di Mantova, costruito sulle antiche case dei Bischeri e successivamente ristrutturato a partire dal 1604 è caratterizzato dalla facciata con elementi classici dell'architettura residenziale fiorentina successiva al Rinascimento.
  • La Loggia del Bigallo
  • Il Palazzo Arcivescovile

Santa Maria Novella

Il quartiere di Santa Maria Novella è situato nella parte nord-ovest del centro storicodi Firenze. In questa area troviamo la stazione ferroviaria centrale di Firenze, che prende il nome appunto di Stazione Ferroviaria Santa Maria Novella; qui arriva la maggior parte dei treni provenienti da ogni zona d'Italia e dall'estero. La sua posizione centrale permette ai turisti di arrivare in treno e di visitare i principali monumenti a piedi senza bisogno di servirsi di taxi oautobus
Oltre alla bellissima chiesa di Santa Maria Novella troviamo il Teatro Comunale, il palazzo dei Congressi e quello degli Affari, la Fortezza da Basso sede di importanti eventi come la mostra dell'artigianato o Pitti Immagine, la chiesa di Ognissanti ed attrazioni minori. Il Duomo di Firenze è raggiungibile a piedi dalla stazione in poco più di 5 minuti. Nella zona di Santa Maria Novella sono inoltre situati molti pub e discoteche che specialmente nel periodo estivo si animano di gioveni provenienti da ogni parte del mondo. 
La piazza di Santa Maria Novella, circondata da palazzi storici, giardini, obelischi e fontane fu allargata in varie occasioni ed ospitava i frati domenicani in preghiera nel convento davanti alla basilica. A partire dalmedioevo venne utilizzata per celebrare feste ed altri eventi folkloristici; tra i più importanti possiamo ricordare il Palio dei Cocchi, una corsa di carri che trainati da cavalli percorrevano al galoppo tre giri ellittici della piazza. Il tradizionale Palio dei Cocchi venne interrotto nel 1858. 
Sempre in questa zona appena fuori dalla stazione, passando davanti al McDonald's troviamo piazza dell'Unità Italiana e proseguendo attraversandola in diagonale si giunge in San Lorenzo, zona famosa per l'omonimo mercato in cui è possibile trovare oggetti di qualsiasi tipo realizzati in modo artigianale. 

Santo Spirito

Il quartiere di Santo Spirito, situato nella zona sud-ovest del centro storico, comprende una vasta area dell'Oltrarno ed ha come centro la piazza Santo Spirito e la sua bellissima piazza. Nata come spazio per le prediche dei frati agostiniani, piazza Santo Spirito è stata spesso usata per feste e manifestazioni di vario tipo ed è l'unica piazza dell'Oltrarno dove ancora oggi si svolge ogni mattina un mercato, affiancato da mercati domenicali di prodotti naturali ed oggetti d'epoca. Qui nel corso degli anni si sono celebrati moltissimi eventi e feste: ancora oggi in piazza Santo Spirito specialmente nei periodi primaverile ed estivo si svolgono concerti e spettacoli. In questi periodo dell'anno si respira un'atmosfera unica grazie anche ai numerosiristoranti e locali notturni che la rendono una delle piazze più vive dei Firenze. Nella piazza vengono fatti mercati alcuni quotidianamente tutte le mattine, altri nel fine settimana. 
La Basilica di Santo Spirito Guardando ha una semplice facciata ad intonaco color giallo ocra; vedendola dall'esterno è difficile credere che questo edificio di culto è una delle più belle chiese rinascimentali di tutta la Toscana. Venne realizzata da Filippo Brunelleschi solo due anni prima della morte; qui l'artista volle in qualche modo provare a creare delle nuove architetture che purtroppo però solo alcune vennero realizzate dai suoi successori. 
Tra gli edifici più importanti situati nella piazza nell'angolo sud-est ricordiamo il Palazzo Guadagni che fu costruito dal Cronaca nel 1505 per lafamiglia Dei. Il palazzo presenta una loggia al piano superiore, le finestre hanno delle particolari cornici con chiavi di volta e le decorazioni di un tempo (oramai andate perse) sono opera di Andrea del Sarto. A piano terra troviamo la biblioteca comunale di Firenze. 
Nella piazza troviamo una fontana datata 1812 che venne eretta in sostituzione di una precedente del 1556 situata anticamente nel Cenacolo di Santo Spirito. Nel centro della piazza troviamo un giardino composta da varie aiuole ed il monumento ad Cosimo Ridolfi. 
Spostandoci in direzione sud-est dalla piazza troviamo piazza San Felice e poco distante Palazzo Pitti ed i giardini di Boboli. Se invece ci muoviamo in direzione ovest troviamo piazza Torquato Tasso e la chiesa del Carmine; verso nord-ovest invece la piazza di Cestello dove è situata la chiesa di San Frediano in Cestello, dalla quale prende il nome. 
In direzione nord troviamo il quartiere di Santa Maria Novella, vesro nord-est ilquartiere di San Giovanni e verso est il quartiere di Santa Croce

Santa Croce

Il quartiere di Santa Croce è situato nella parte sud-est del centro storico di Firenze. Monumento principale di questa zona è sicuramente la chiesa di Santa Croce con facciata in marmo situata in posizione dominante nell'omonima piazza Santa Croce. All'interno della basilica troviamo tombe di artisti illustri come Machiavelli, Alfieri,Michelangelo ed il sepolcro di GalileoGalilei. La piazza ha una forma rettangolare ed ogni anno a Giugno ospita il calcio storico fiorentino, forse l'evento più importante di Firenze, dove i calcianti dei 4 quartieri (rappresentati dai colori, rosso, verde, blu e bianco) si sfidano in partite di calcio medievale. 
Davanti alla chiesa, si trova il Monumento in marmo di Dante Alighierirealizzato da Enrico Pazzi nel 1865. Dalla parte opposta è presente una fontana ristrutturzione di Giuseppe Manetti del 1816 di una fontana barocca di Pietro Maria Bardi del 1673. 
palazzi hanno un carattere scenografico con piani sporgenti sorretti da sostegni (i cosiddetti sporti). 
Il Palazzo Cocchi-Serristori è situato sul lato opposto della chiesa ed è stato ristrutturato ed ampliato nel tempo fino agli ultimi lavori datati 1485-1490. 
Il Palazzo dell'Antella è situato sul fianco sinistro della chiesa ed è il frutto dell'unificazione nel tempo di più abitazioni. Il palazo ha una caratteristica unica; gli spazi tra le finestre sono via via maggiori allontanandosi dalla chiesa, questo crea un effetto di prospetiva e fa sembrare la piazza ancora più grande. 
Proseguendo verso sud, attraversando il fiume Arno troviamo il Forte Belvedere e su un colle dominante il Piazzale Michelangelo. Spostandosi poi verso sud-ovest arriviamo nella zona di Santo Spirito. Andando invece verso nord-est arriviamo nel quartiere di San Giovanni